Windows 7: Commenti e Critiche al nuovo OS Microsoft

8 commenti

Una schermata di Windows 7

Una schermata di Windows 7

Il 20 Ottobre 2009 sarà una data da ricordare per l’azienza di Redmond. A partire da quella data infatti verrà commercializzato su larga scala windows 7, il nuovo sistema operativo made in Microsoft, sul quale tutti gli occhi sono puntati, e che avrà il compito di rivalutare il vecchio vista agli occhi degli utenti. Molte sono state infatti le lamentele poste su Vista durante questi 3 anni di gestazione di 7. Le maggiori critiche ponevano l’accento sulla scarsa compatibilità dei vecchi software e sulla mediocrità dei drivers per le varie periferiche. In questo post vedremo come 7 potrà cercare di far tacere queste voci.

Continua a leggere…

Annunci

Vista ed il consumo di ram? cerchiamo di capire come funziona

10 commenti

Una delle critiche più aspre rivolte al giovane OS di casa Microsoft consiste nel fatto che Vista richieda un notevole (anche se al giorno d’oggi mi chiedo quanto sia notevole) quantitativo di ram (direi che un minimo di 2gb vadano bene). Come mai tanta “pesantezza” apparente nei confronti di altri os come ad esempio Linux o XP stesso? Per chiarire questa cosa bisogna tenere in conto con quali scopi Vista stesso è stato progettato. Vista include una opzione nei suoi servizi detta superfetch (o in italiano ottimizzazione all’avvio) che in pratica lavora per voi analizzando i programmi che usate piu’ spesso ed allocandoli dinamicamente nella ram del vostro PC, per caricarli più velocemente all’avvio. Di seguito riporto una piccola analisi sul superfetch:

Funzionamento di SuperFetch
Dopo aver utilizzato per un po’ di tempo un sistema Windows Vista, si noterà un valore basso nel contatore della memoria fisica disponibile nella pagina Prestazioni di Gestione attività. Questo accade perché SuperFetch e la cache standard di Windows utilizzano tutta la memoria fisica disponibile per memorizzare i dati del disco. Se si esegue Gestione attività subito dopo aver avviato il sistema, ad esempio, si noterà che il valore della memoria disponibile diminuisce con l’aumentare del valore della cache. In alternativa, se si esegue e poi si chiude un programma che utilizza una grande quantità di memoria (ad esempio, una qualunque applicazione freeware di “ottimizzazione della RAM” che alloca grandi quantità di memoria per poi rilasciarla) oppure si copia un file di grandi dimensioni, il valore della memoria disponibile aumenterà e il grafico Cronologia utilizzo memoria fisica segnerà un brusco calo perché il sistema reclama la memoria rilasciata. Con il passare del tempo, tuttavia, SuperFetch riempirà di nuovo la cache con i dati rimossi in modo forzato dalla memoria e il valore della cache tornerà a salire, con la conseguente riduzione del valore della memoria disponibile.

A quanto pare il sistema (almeno sui miei due pc, un atlhon 4600+ con 2bg di ram, ed un acer aspire 5920 con 4gb di ram) funziona, ed alla grande…aspetto esperienze vostre sui vostri pc (però mi rivolgo agli amanti di linux, per favore siate imparziali 🙂 ).