Scommetto che la maggior parte degli utenti che, almeno una volta nella loro vita dopo aver sentito dell’esistenza di ubuntu hanno pensato di installarlo, sono sempre stati fermati da pensieri oscuri del tipo “ma se formatto ed installo in dual boot e si sminchia qualcosa? e se dopo aver installato perdo dati? e se dopo aver installato windows non parte piu’?”

Partendo dal presupposto che questi pensieri sono DOVEROSI (almeno per chi lavora ed ha files importanti sul proprio pc, e per chi ovviamente ci tiene a preservare dati importanti sul proprio PC), vi sono due semplici modi per risolvere il tutto:

Il primo, che già potrete trovare sul mio blogghetto, consiste nell’installare Wubi. Ovviamente i più fanatici linuxiani

Provate a parlare di windows ad un tipo come questo...

Provate a parlare di windows ad un tipo come questo...

trovano che wubi sia una sorta di offesa alla razza ariana, di conseguenza una seconda via possibile è quella di installare Ubuntu in una periferica USB: sisi, avete capito bene, una periferica USB!!!

Ma come fare per compiere il miracolo? spulciando in giro per internet, ho trovato nel wiki stesso di ubuntu una notevole fonte di informazioni, che qui vi ripropongo:

Installazione di Ubuntu su una periferica USB.

È possibile installare Ubuntu su una periferica USB (pen drive o disco fisso esterno) in modalità persistente. Ciò significa che sarà possibile avviare il sistema da tale periferica mantenendo le personalizzazioni come il layout della tastiera, le preferenze e i pacchetti installati. Occorre un dispositivo USB da almeno 1 GiB di memoria: 750 MiB verranno occupati dai file necessari al funzionamento del sistema, lo spazio restante rimarrà a disposizione dell’utente.

Se si utilizza Ubuntu 8.04 «Hardy Heron» o una versione precedente, consultare la relativa guida (Procedura manuale).

Preparativi

La memoria del dispositivo scelto per ospitare Ubuntu deve avere dimensioni almeno pari a 1 GiB. Prima di procedere con le seguenti istruzioni è consigliato eseguire un backup di tutti i dati contenuti in esso.

Installare Ubuntu sul dispositivo USB

Per installare Ubuntu all’interno di un supporto rimovibile USB è necessario avviare il relativo programma dal menu Sistema -> Amministrazione -> Create a USB startup disk.
La sorgente per l’installazione può essere il CD contenente il sistema operativo oppure l’immagine .iso, per utilizzare quest’ultima è necessario premere il bottone «Other…» e indicare il percorso dove risiede l’immagine.

Per installare Ubuntu è necessario che il filesystem della penna sia in FAT32, nel caso che il supporto rimovibile abbia un filesystem differente sarà necessario premere il bottone «Format» per formattare la penna USB in FAT32.

Selezionare l’opzione Stored reserved extra space e indicare lo spazio che si vuole utilizzare in modo che tutte le modifiche apportate a Ubuntu saranno sempre disponibili, mentre se si seleziona la seconda opzione non verrà creato un sistema persistente, questo significa che ad ogni riavvio verranno perse tutte le modifiche apportate.

Premere il bottone «Make Startup Disk» per avviare l’installazione di Ubuntu sul supporto rimovibile USB in modalità persistente.

In questa fase verrà installato Ubuntu all’interno della penna USB, terminata la fase d’installazione sarà necessario smontare in modo sicuro il dispositivo.

Spero che questa piccola ( e semplice) guida possa aiutarvi a trovare la vera forza🙂 . Ovviamente, come detto prima, il procedimento qui sopra descritto funziona per intrepid e la nuova jaunty. Per Hardy e le versioni precedenti dovrete fare tutto a manina.