Come avrete avuto modo di vedere (per chi legge il mio blog), una delle  caratteristiche che ritengo “salienti” di Windows Vista (o almeno della sua versione ultimate), è costituita dalle Shadow Copies, ovvero delle copie di files e cartelle, che in qualsiasi momento possono essere ripristinate, salvando così molto spesso il didietro del libero professionista di turno che si vede corrotto il suo progetto in Autocad, o per il nostalgico che si scopre cancellate dal suo bel  bimbo le foto del suo matrimonio.

Beh…forse non era proprio un professionista disperato questo….però rende bene l’idea😀 .Ad ogni modo…

Una cosa del genere, esiste anche sul sistema Leopard (Apple), ed è costituita dalla Time Machine. Per chi fosse troppo pigro per aprire il link (me compreso), la Time Machine viene così definita:

“Time Machine è un rivoluzionario sistema di backup automatico integrato direttamente in Mac OS X. Crea una copia aggiornata di tutti contenuti del vostro Mac (foto digitali, musica, filmati e documenti) perché possiate tornare indietro nel tempo e ripristinare facilmente ogni cosa.”

Geniale, stupendo, bellissimo…ma per Linux? esiste una cosa simile?

Per quanti di voi si fossero posti questa domanda senza risposta, sappiate….che esiste! Flyback, che si basa su rsync, crea dei backup in successione dei files che si desidera monitorare, utilizzando un sistema di hard-link per la gestione dei files che non hanno subito modifiche tra un backup all’altro, riducendo la dimensione occupata dagli snapshot.
ImagesTime.com - Free Images Hosting
Questo sistema di backup consente di risparmiare spazio su disco e di utilizzare un qualsiasi file browser per ripristinare i files in caso di bisogno. Purtroppo, non esiste ancora un repository per Ubuntu, ma con la mia semplice guida, anche voi potrete configurarla in …mmm….40 secondi🙂

Come prima cosa installate i seguenti packages:

sudo apt-get install python python-glade2 python-gnome2 python-sqlite3 python-gconf rsync

Notare che nella mia Intrepid Ibex non ho dovuto installare nulla. Dopo aver scaricato FlyBack da http://code.google.com/p/flyback e scompattato il tar.gz con il comando “tar -zxvf flyback_0.4.0.tar.gz”, entrate nella nuova cartella di Flyack e lanciatelo con il comando “python flyback.py”.

Configurarla è semplicissimo. Ecco ad esempio una configurazione valida

ImagesTime.com - Free Images Hosting

L’asterisco (*) significa tutti i giorni, mesi e anni. “*/2″ indica a FlyBack di fare il backup ogni 2 ore. Ovviamente, se lo desiderate, potrete utilizzare per questo programma, anche un hdd esterno. Nel caso in cui non lo faceste…ecco  le vostre shadow copies🙂