Windows 7 si chiamerà sempre Windows 7. Il nome con cui ci si è sinora riferiti al sistema operativo successore di Windows Vista sarà anche quello definitivo.

La conferma arriva da un portavoce Microsoft che spiega: “la decisione di utilizzare il nome Windows 7 guarda alla semplicità. Nel corso degli anni Microsoft ha impiegato approcci differenti per battezzare le varie versioni di Windows. Abbiamo utilizzato numeri di versione, come nel caso di Windows 3.11, riferimenti ad anni specifici, come per Windows 98 oppure appellativi più fantasiosi come Windows XP o Windows Vista. Poiché non rilasciamo un nuovo sistema a cadenza annuale non sarebbe stato logico utilizzare il riferimento e dal momento che Windows 7 rappresenterà l’evoluzione di Vista abbiamo preferito non optare per un altro nome di fantasia“.

Microsoft dovrebbe fornire numerosi dettagli su Windows 7 nel corso della prossima Professional Developers Conference (PDC), in programma per il 27-30 Ottobre a Los Angeles.

Speriamo solo che Windows 7 rappresenti una vera innovazione in un prodotto, come vista, che dopo tante critiche, ha raggiunto una piena maturità e stabilità solo dopo molte patch.