Finalmente dopo tanti rumors arriva la conferma ufficiale da parte di Asus. Sembra infatti che dal prossimo anno inizieranno a circolare nuovi NetBook molto piu’ potenti con vista incluso. Ma le novità non si fermano qua:

C’è chi ipotizza che il nuovo modello potrebbe adottare un design alla “Tablet PC”, ma è difficile immaginare un dispositivo di questa categoria con costi da netbook.

Qualcuno sostiene inoltre che gli Eee PC touchscreen saranno i primi della loro categoria a far girare Windows Vista, o quanto meno una versione ai minimi termini di questo sistema operativo. Per il momento, tuttavia, Asus tiene la bocca ben cucita su questo dettaglio.

Inoltre, stando ancora a quanto affermato da Asus, la nuova tecnologia Touch screen Resistiva permetterà di abbattere i costi, in quanto ogni touchscreen aumenterebbe il costo del netbook di soli 10 $ (che ovviamente, in barba alla potenza del cambio euro-dollaro, molto probabilmente da noi diverranno 10 € se non piu’….chissà che ci sta a fare sto benedetto cambio allora!!!)

L’introduzione di un Eee PC con schermo sensibile al tocco lascia supporre che Asus aggiungerà il supporto a questa tecnologia anche all’interfaccia utente di Xandros Linux. A meno che il produttore non scelga, ma è assai improbabile, di estromettere Linux da questa tipologia di sistemi.

Inoltre Asus ha intenzione di iniziare a commercializzare i primi netbook basati sull’Atom dual-core non appena Intel avvierà la produzione in volumi di questo chip.

Infine Asus pare essersi ricordata della sua vecchia gloria, asus 701, e pare voler essere intenzionata a reimmettere nel mercato una versione moderna, un Eee PC con prezzo inferiore ai 10mila dollari taiwanesi (circa 225 euro). Ad annunciarlo è stato lo stesso presidente di Asus, Jerry Shen, che non ha però rivelato alcun dettaglio sul prodotto.